Perché non si deve andare in ferie e non si deve chiudere l’attività commerciale ad agosto

di | 28 Agosto, 2017

Ciao,

oggi tocco un tema spinoso, lo so già perché mi capita spesso di parlarne con con te che hai una ferramenta o una rivendita di ferramenta e sistemi di fissaggio.

So bene quanta reticenza ci sia a rinunciare alle meritate vacanze nel mese di agosto ma lascia che ti dica subito come stanno le cose: chiudere 3 settimane ad agosto nel 2017 è un errore grave.

Non stiamo più negli anni 80, ne negli anni 90, chiudere 3 settimane è inutile e dannoso.

Vorrei trascurare i titolari delle attività commerciali che chiudono 3 (o anche 4 settimane!) ad agosto e si lamentano del poco lavoro quando riaprono! Dico questo perché è difficile se non impossibile ragionare con costoro, quindi in bocca al lupo, buona fortuna!

Vorrei invece ragionare con la maggioranza di voi, imprenditori seri, pronti al dibattito, anche critico, sulle tematiche che spesso propongo.

Siamo in Romagna nel 2017.

Tutti, dico tutti, sulla costa sono aperti, tranne davvero quei pochi che non so perché chiudono o hanno comunque un motivo personale.

Tutti, vuol dire in particolare le ditte, gli artigiani, le imprese…e tu chiudi? Non puoi.

Ma sai quante ditte, artigiani o imprese mi chiamano ad agosto per chiedermi dove trovo una ferramenta aperta? Decine di telefonate.

Ma tu mi dirai : “non è vero che le ditte sono aperte, ci sono solo i turisti ed io non lavoro con i turisti”. Osservazione sbagliata. Vuoi verificare? Ho tanti commercianti, per fortuna, che hanno capito l’importanza di non chiudere ad agosto ma ti faccio solo un solo nome, per brevità, perché questa attività che ti cito ho capito 40 anni fa che doveva rimanere aperta ad agosto: Elettromeccanica Veneta a Gatteo Mare. Chiama pure e ti diranno quanto lavorano ad agosto.

Ora devo ammettere però che la percentuale di miei clienti aperti sul mare è abbastanza alta sia per un fatto storico e sia perché la mia “influenza” diciamo che ha attecchito di più.

Ma quelli che proprio non capisco sono i commercianti dell’entroterra. Guardate che ad agosto non muore nessuno!

Se siete l’unica ferramenta aperta in città o nel paese ad agosto sarete gli unici a fare un sacco di fatturato! E alle vostre condizioni! Cioè, per esempio, nei sistemi di fissaggio, potete permettervi di vendere i prodotti a prezzo pieno o praticamente con bassi sconti!

Cambiate il vostro modo do ragionare. Oggi gli italiani vanno in vacanza 10 giorni e neanche tutti a ferragosto.

Se proprio non riuscite a rimanere aperti, chiudete almeno solo la settimana di ferragosto e non 3 o 4 settimane!

Credetemi state perdendo un sacco di soldi a causa di un’abitudine obsoleta, tipica italiana, che in Romagna resiste incredibilmente ancora ma in tutto il resto di Italia non è così e questo non è accettabile perché la Romagna è sempre stata un passo avanti rispetto ad altre regioni.

Vi faccio un altro esempio per darvi un’indicazione su base nazionale.

Quando ho iniziato a lavorare in Tecfi nel 2009 l’azienda chiudeva 4 settimane, una vera e proprio follia.

Segnalai subito questa anomalia e mi risposero che dovevo pensare a vendere.

L’anno dopo la Tecfi chiuse tre settimane. L’anno ancora successivo chiuse due settimane. Dal prossimo anno stanno valutando di chiudere una sola settimana. Tutto questo è accaduto perché io ho pensato a vendere 🙂 …scherzo ovviamente. Tutto questo è accaduto perché io avevo anticipato una realtà che si sta verificando sotto i nostri occhi e cioè che ad agosto si lavora!

Ora la mia proposta in questo articolo per voi è la seguente: organizzatevi già da adesso per il prossimo anno.

O riducete le ferie ad una sola settimana, quella centrale, o meglio ancora non chiudete proprio. Ma allo stesso tempo cominciate fin da adesso a comunicare, scritto, orale, tramite mail, cartelli, fatture ai clienti che ad agosto sarete aperti.

Credetemi, non ve ne pentirete.

Buon lavoro, con i sistemi di fissaggio.

Davide

P.S. : I sistemi di fissaggio, se non conosci questo settore non stai guadagnando!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *