7 segnali di allarme che minacciano la tua RIVENDITA

di | 7 Aprile, 2018

Ciao,

oggi voglio parlarti di 7 problemi che hai.

Purtroppo è così, perché 7 segnali di allarme non sono altro che problemi che hai tu e la tua rivendita, di cui devi avere piena consapevolezza prima e capacità di risoluzione dopo.

Inizio subito.

Segnale di allarme n°1: crollo delle vendite

E’ innegabile che in questi ultimi anni tu abbia notato un grosso calo delle vendite, in particolare a partire dagli anni 2000, in modo più evidente dal 2008.

Non ti consolerà sapere che è un problema diffuso nel settore Ferramenta, specialmente per chi lavora o vende esattamente come negli anni ’80 o ’90 ad esempio.

Segnale di allarme n°2: riduzione del margine di guadagno

Anche questo aspetto è simpatico. Lavori di più, hai più costi e guadagni di meno! Bella fregatura.

Non conosco i dati generali della Ferramenta ma posso dirti che invece gli stessi produttori “followers” di Sistemi di Fissaggio, in particolare le aziende che non hanno saputo impostare Marketing e Vendita Professionale, hanno perso almeno il 25% di margine sulla produzione!

Figuriamoci i commercianti!

Il commercio di Ferramenta ha perso molto margine, così come il commercio delle materie prime o semilavorate che hanno perso pochi punti in termini assoluti che però incidono molto sulle ricariche già basse.

Assolutamente in controtendenza è stata ed è attualmente la rivendita dei Sistemi di Fissaggio generale, anche di chi non ha ancora impostato la specializzazione, mentre non ha subito alcuna perdita la vendita dei Sistemi di Fissaggio delle attività commerciali piccole medie o grandi che hanno deciso di impostare la specializzazione sui sistemi di fissaggio.

Segnale di allarme n°3 : diminuzione del numero di clienti

Beh qui il motivo è chiaramente l’aumento della concorrenza. Ma non mi sto riferendo soltanto al numero più alto di concorrenti ma anche alla maggiore facilità di accesso che il tuo cliente ha nel contattare o trovare la concorrenza, sia grazie ai canali tradizionali come le telefonate, i venditore ma soprattutto grazie alla diffusione di internet.

Un altro motivo è senza dubbio la chiusura di molte ditte/imprese e artigiani, cioè proprio la chiusura dei clienti stessi.

Segnale di allarme n°4 : aumento eccessivo degli insoluti

Questa è una piaga che ha abbattuto molti dei tuoi concorrenti.

Solo negli ultimi anni, in Romagna, a causa di questo hanno chiuso diversi rivenditori Edili, un paio di Siderurgici e diverse Ferramenta. Se soffri di questo problema, devi correre subito ai ripari.

Segnale di allarme n° 5 : aumento dei costi di gestione

Qui potrei aprire un mondo fatto di spese, costi, tasse ecc ecc…ma preferisco non farlo e semplicemente osservare questo incontestabile fattore che di sicuro, sia tu che i tuoi colleghi che stanno leggendo questo articolo, condividerete senz’altro.

Segnale di allarme n°6 : aumento delle tue ore di lavoro

Oltre il danno la beffa! All’interno di questo desolante panorama, purtroppo, la verità è che tu stai pure lavorando di più! Mi rendo conto che questo sia uno degli allarmi più scoccianti e fastidiosi ma c’è poco da fare perché è così e tu lo sai bene.

Segnale di allarme n°7 : riduzione o assenza di clienti nuovi da molto tempo

Questo è un allarme “sottile”, nel senso che potresti vederlo in realtà come un falso problema, cioè potresti pensare che sia ovvio che non tu non abbia più nuovi clienti o che sia normale: beh non è così.

E’ necessario che tu abbia sempre e costantemente nuovi clienti.

Abbiamo finito.

Se ti rivedi in questi 7 allarmi o alcuni di essi è bene che tu faccia qualcosa, subito.

Cosa puoi fare? Due cose:

  1. Accettare l’idea che il modo di vendere che stai attuando non va più bene;
  2. Cambiarlo, impostando la specializzazione sull’unico settore in cui conviene tanto lavorare ed investire:I Sistemi di Fissaggio, perché? Perché si guadagna ed io ti aiuterò a guadagnare di più.

Buon lavoro

Davide

P.S. : I Sistemi di Fissaggio, se non conosci questo settore non stai guadagnando!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *